Liceo Ginnasio – Ugo Foscolo

Via San Francesco D'Assisi, 34 – 00041 Albano Laziale

Un’importante innovazione della riforma dell’esame di Stato - e che investe la valutazione degli studenti del triennio - è costituita dalla comparsa del :

  • credito formativo "per le esperienze acquisite al di fuori della scuola di appartenenza” ;
  • credito scolastico anche per "la partecipazione ad iniziative complementari ed integrative realizzate all’interno della scuola di appartenenza (art. 1 comma 1 e 2 del D.M. n. 49/00).

La valutazione di tali crediti spetta ai Consigli di classe "sulla base di indicazioni e parametri preventivamente individuati dal Collegio dei docenti al fine di assicurare omogeneità nelle decisioni e in relazione agli obiettivi formativi ed educativi propri dell’indirizzo di studi e dei corsi interessati” (art. 2, comma 2).

 

Crediti scolastici

 

I criteri di attribuzione del credito scolastico, come previsto dal  D.M. 99 del 16/12/2009 sono i seguenti:

Media dei voti Credito Scolastico
Studente Classe 3° liceo Classe 4° liceo Classe 5° liceo
M = 6 3-4 3-4 4-5
6 < M = 7 4-5 4-5 5-6
7 < M = 8 5-6 5-6 6-7
8 < M = 9 6-7 6-7 7-8
9 < M =10 7-8 7-8 8-9

 

Nota: M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico.

 

 

Dall’a.s. 2008/2009 il voto di condotta fa media con gli altri voti. La griglia di attribuzione del voto di condotta, approvata dal Collegio dei Docenti, è riportata in allegato. (All. 5)

 

Il Consiglio di Classe attribuirà il punteggio più elevato della corrispondente banda di oscillazione valutando le seguenti condizioni:

1.   se la media del profitto scolastico supera il limite minimo previsto dalla banda di oscillazione nella misura di almeno +0,50 (compreso) per la terza e la quarta classe, di +0,40 (compreso) per la quinta;

2.   se è riconosciuto un livello di impegno giudicato lodevole o particolarmente significativo, anche in relazione a particolari situazioni familiari o personali dell’alunno.

3.   se è certificata la partecipazione ad attività extra-curricolari organizzate dalla Scuola (cfr. voce successiva punto a);

4.   se sussistono le condizioni per l’attribuzione del credito formativo (cfr. voce successiva punto b);

 

 

 

a) Criteri applicativi per l’attribuzione del Credito scolastico
Il Credito scolastico derivante dalla partecipazione degli allievi ad attività integrative aggiuntive, sulla base della documentazione rilasciata dal nostro Istituto relativa all’attività per la quale lo studente richiede il riconoscimento del credito, prodotta al Consiglio di Classe entro il 15 Maggio, viene riconosciuto secondo i seguenti criteri:

 

 

 Tipo di attività Criterio
corsi di approfondimento – corsi di orientamento formativo – solidarietà e cooperazione La partecipazione attiva ad almeno il 75% del monte ore di un singolo corso di almeno 30 ore ;
laddove il corso sia di un numero di ore inferiore a 30 gli alunni per il riconoscimento del credito scolastico dovranno aver frequentato  più corsi che prevedano  la durata complessiva di almeno 30 ore.
laboratori La partecipazione al 75% del monte ore
attività sportive Il superamento delle fasi a livello provinciale
organi collegiali La partecipazione, per elezione, al Consiglio di Classe, al Consiglio d’Istituto e alla Giunta esecutiva; le attività svolte nell’ambito della commissione elettorale
olimpiadi di tipo scientifico L’ammissione alla selezione provinciale
partecipazione a concorsi Il conseguimento di  un premio o menzione
corsi di informatica        (ECDL: patente informatica) La partecipazione attiva ad almeno il 75% del monte ore
L’ acquisizione della certificazione , in qualsiasi anno fosse stata conseguita , dovrà essere registrata nel certificato dell’Esame di Stato conclusivo degli studi secondari superiori.
corsi PET - FCE - CAE La partecipazione attiva ad almeno il 75% del monte ore di un singolo corso
L’ acquisizione della certificazione,  in qualsiasi anno fosse stata conseguita, dovrà essere registrata nel certificato dell’Esame di Stato conclusivo degli studi secondari superiori .

 

 

Per quanto concerne l’insegnamento della religione cattolica con l’O.M. n. 26 del 15 marzo 2007 anche  " i docenti che svolgono l’insegnamento della religione cattolica partecipano a pieno titolo alle deliberazioni del consiglio di classe concernenti l’attribuzione del credito scolastico agli alunni che si avvalgono di tale insegnamento.
Analoga posizione compete, in sede di attribuzione del credito scolastico, ai docenti delle attività didattiche e formative alternative all’insegnamento della religione cattolica, limitatamente agli alunni che abbiano seguito le attività medesime.”

L’attribuzione del punteggio, nell’ambito della banda di oscillazione, tiene conto del giudizio formulato dai docenti della Religione Cattolica o dell’attività alternativa  riguardo l’interesse e il profitto conseguito dallo studente che si avvale di tali insegnamenti..

Al momento delle iscrizioni, attraverso  il modulo di scelta previsto dal Ministero (allegati "E” ed "F” della circolare MIUR 101 del 30 dicembre 2010 ) i genitori e gli studenti maggiorenni scelgono se avvalersi o no dell’insegnamento della Religione Cattolica .

Gli studenti che non intendono avvalersi  dell’insegnamento della religione cattolica possono scegliere , attraverso un modulo predisposto dalla scuola e sottoscritto dalle famiglie, tra le seguenti opzioni: studio individuale; uscita dall’edificio scolastico ; attività didattiche e formative alternative. Per l’anno scolastico 2013/2014, come insegnamento alternativo all’IRC  la scuola attiva il progetto " Leggi, interpreta, adotta un libro” .

 

b) Credito formativo per "qualificata esperienza acquisita al di fuori della scuola”
Il credito formativo (D.P.R. 23.07.98 n.323 art. 12   D.M 24.02.2000 n.49 art. 1) consiste, in base alla normativa, in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, acquisita al di fuori della Scuola, dalla quale siano derivate allo studente competenze coerenti con il suo corso di studi. La coerenza consiste nell’omogeneità con i contenuti tematici del corso, nel loro approfondimento, nel loro ampliamento e/o nella loro concreta attuazione, ed è accertata per i candidati interni dai Consigli di Classe.

Le esperienze che danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport.

 

Criteri applicativi per l’attribuzione del Credito formativo

credito formativo deriva da una "qualificata esperienza acquisita al di fuori della scuola”. Esso viene riconosciuto secondo i criteri di seguito elencati, sulla base della documentazione rilasciata dall’Ente esterno, relativa all’attività effettuata (didattico-culturale, socio-assistenziale, sportiva, altro), e prodotta al Consiglio di Classe entro il 15 Maggio.

Tipo di attività Criterio
Stage presso Enti  (es. INFN) o Università Attestato dell’Ente o dell’Università
Stages formativi di volontariato e/o attività di volontariato Attestato finale di partecipazione
Anno di studio individuale all’estero Certificazione della scuola frequentata
Attività sportive Conseguimento di un "brevetto” di assistente bagnanti, istruttore di nuoto, tennis ecc., arbitro di calcio, basket ecc.,

Attestato di atleta praticante presso società sportive affiliate alle Federazioni ufficiali (in cui sia indicato da quanto tempo lo studente è tesserato, orari e giorni di allenamento, durata del campionato, appartenenza alla rosa dei titolari, tipo di apporto alla squadra e descrizione dell’esperienza)

Corsi di lingua in Italia o all’estero Conseguimento di certificazione riconosciuta a livello europeo
 

Corsi musicali presso Istituto o associazioni cittadine

 

Per il Conservatorio attestato di frequenza al corso (in cui sia indicato da quanto tempo lo studente è iscritto, orari e giorni di frequenza,durata del corso, min. 120 h.)
Per altre associazioni attestato di frequenza a un corso  (in cui sia indicato da quanto tempo lo studente è iscritto, orari e giorni di frequenza e durata del corso, minimo 120 h.)
Esperienza di animazione presso enti o associazioni Attestato di animatore in cui siano indicati tipo di attività, orari e giorni di impegno (minimo 120) e descrizione dell’esperienza

I coordinatori dei Consigli di Classe del Triennio avranno cura di uniformare i parametri valutativi dei suddetti crediti, nell’ambito di incontri formali, per assicurare equità e omogeneità di attribuzione del punteggio.

CERTIFICAZIONE RELATIVA ALLE COMPETENZE ACQUISITE AL TERMINE DEL BIENNIO DELL’OBBLIGO:

 

A seguito della raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18/12/2006, del D.L. 296 del 27/12/2006, del D.M. 139 del 22/08/2007, a partire dall’a.s. 2009/2010 le scuole sono tenute a rilasciare agli studenti che completino l’obbligo scolastico, fissato a 15 anni, la certificazione contemplata nei documenti citati.

Tale certificazione viene rilasciata a richiesta per gli studenti maggiorenni o quindicenni che intendano cambiare tipologia di scuola o interrompere gli studi.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi